Rural Sounds 2016 ­ Workshop in Ecologia del Suono con Francesco Giannico

Nell’ambito del festival “Sentieri di Suoni’ (https://www.facebook.com/events/844912392304017/) l’associazione Kodama Sperimentazione Rurale Multifunzionale in collaborazione con ass. Albero di Vita, associazione Eco, ass. La Slucadora ass.Archivio Italiano Paesaggi Sonori presenta Rural Sounds, un workshop in ecologia del Suono per conoscere e reinterpretare l’ambiente sonoro dell’appennino modenese.

1 e 2 Luglio 2016

pressoil Museo del Castagno e Antico Ospitale S.Giacomo (Zocca, provincia di Modena)
Ascoltare il paesaggio sonoro, interrogarlo, registrarlo e manipolarlo può mettere in luce aspetti del territorio che ignoravamo completamente o che semplicemente possono essere riletti in chiave diversa. Il vantaggio di un territorio relativamente poco antropizzato come quello dell’appennino modenese, nella splendida cornice del monte San Giacomo, vicino Zocca(Mo), è quello di poter offrire una molteplicità di segnali sonori molto più facilmente intellegibili per il nostro cervello rispetto ai consueti ambienti urbani dove i decibel di troppo e le infinite sorgenti di suono distraggono l’ascoltatore, lo disturbano sino ad assuefarlo ad una continuo tappeto sonoro indistinto.

Verranno svolte soundwalk all’interno di un territorio magnifico in cui la biodiversità faunistica, tipicizzata da distese di castagneti e boschi di betulle, viene esaltata dalla morfologia della zona, contraddistinta da fenomeni carsici come cavità, pozzi, doline.

L’editing delle tracce è prerogativa dei partecipanti che verranno messi nelle condizioni tecniche di poter lavorare sul materiale da loro stessi registrato affinché possa essere poi riutilizzato per creare una performance elettroacustica ed una installazione sonora.

In un sistema quadrifonico all’interno delle sale del Museo del Castagno, verrà riprodotta una sintesi sonora del paesaggio documentato cercando di amplificare al massimo l’effetto di spazializzazione del suono. Il materiale audio utilizzato sarà quello prodotto dai partecipanti.

La performance elettroacustica collettiva è un momento quasi magico,una sorta di catarsi per i partecipanti che vedono finalmente compiersi la parabola vitale dell’oggetto ‘suono’ che non finisce per essere solo misero frammento digitale destinato all’archiviazione ma vero nucleo creativo di propulsione da cui diramare infiniti progetti paralleli.

PROGRAMMA DEL WORKSHOP

1)presentazione Gruppo di Lavoro

2)Introduzione al paesaggio sonoro

3)tecniche di registrazione digitale

4)Soundwalk / Ascolti dedicati.

5)Formati audio, posizionamento, microfono e registratori digitali

Soundscaping e tecniche di rappresentazione sonora

6)Riduzionismo e sintesi del paesaggio sonoro, macrovisione dell’ascolto/ascolto di insieme: piccoli suoni, piccoli spazi, grandi suoni, grandi spazi.

Secondo Giorno

1)Editing del materiale raccolto

2)Realizzazione dell’installazione sonora

3)Performance LIVE(verrà realizzata una performance live sotto la guida del docente. Verrà di fatto costituito un piccolo ensemble improvvisativo che munito di laptop e con un codicillo concordato preventivamente col docente ed i compagni di corso si esibirà in una improvvisazione “controllata”).

SHARE
Previous articleAurora Sonora
Next articleGeografie sonore
My name is Giulio Aldinucci, I was born in Siena (Italy) in 1981. I have been active for years as a composer in the field of experimental electroacoustic music and in the research on soundscape.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY