milano-aips

MILANO SOUNDSCAPE PROJECT realizzato nei giorni 8|9|10 Luglio

Workshop in ecologia del suono e paesaggi sonori realizzato da A.I.P.S. e Video Sound Art Festival

di Francesco Giannico e Alessio Ballerini

PARTECIPANTI

Valentina Comuzzi, Daniela Romano, Beatrice Arenella, Andrea Ferrario, Duccio Servi, Eleonora DelZoppo, Chiara Terraneo, Fortunato Carlo Tartivita, Alessandra Amicarelli, Mara Pieri, Francesco Tartaglia, Mirko Yuri Landena

WIRELESS SYMPHONY

Nella serata del 10 Luglio, alle ore 21, presso il Castello Sforzesco (portico dell’elefante), si è svolta la performance elettroacustica collettiva che ha chiuso il workshop di 3 giorni in ecologia acustica Milano Soundscape Project. La performance ha previsto l’improvvisazione “controllata” di 13 laptop utilizzati dagli iscritti al workshop e coordinati da Francesco Giannico alla conduction e Alessio Ballerini vincitore dell’open call 2013 Videosoundart. Gli iscritti, dopo aver registrato in questi due giorni i campioni audio del parco antistante il castello, hanno manipolato gli stessi attraverso un software open source pensato per l’occasione, realizzando assieme ai coordinatori dell’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori una vera e propria soundscape composition. Tutto è stato fruito attraverso l’utilizzo di cuffie wireless.

OPEN CALL 2013 – VIDEO SOUND ART

Il Castello Sforzesco di Milano, location d’eccezione ha ospitato Alessio Ballerini, vincitore dell’Open Call 2013 di Video Sound Art – Visual Art & Music Festival.Nel portico dell’Elefante, per tutta la durata del festival è stato possibile utilizzare cuffie wi-fi per l’ascolto delle composizioni di A.Ballerini. Nell’area sottostante il portico sono state installate altre due opere: “The 5 states of nature” video realizzato in collaborazione con Salvatore Logica, Miria Furio e Simona Borghese, e ” Natura e sua trasfigurazione fuori sincro” realizzato in collaborazione con Marco Molinelli.

ESERCIZI DI EDUCAZIONE AL SUONO

Abbiamo chiesto ai partecipanti di ricordare alcuni suoni ponendo domande precise tratte dal testo “Educazione al suono. 100 esercizi per ascoltare e produrre il suono” di R. Murray Schäfer

Di seguito sono riportate alcune delle risposte :

1) IL SUONO PIÙ BELLO verso del cuculo, canzone con chitarra in lontananza, le conversazioni degli arabi, il suono delle ruote di una bici sulla ghiaia del parco, rondini che volano in cerchio, il suono dell’acqua che scorre

2) IL SUONO PIÙ BRUTTO nokia tune (suoneria del cellulare), rombo del motore di una moto, la musica del Bar Bianco che copriva gli altri suoni nel raggio di 200 mt, una moto molto potente che ha aperto il gas all’improvviso, camion di passaggio, il suono più fastidioso non “brutto” quello di una moto da corsa

3) IL SUONO PIÙ FORTE moto, uccelli al tramonto/moto nei pressi della strada/la fontana quando si è troppo vicini, le rondini nel cielo, la fontana in piazza castello, camion di passaggio, quello della musica alta in un locale nel parco

4) IL SUONO PIÙ DEBOLE fruscio dei passi nell’erba, ansimare del cane, movimento delle foglie, piccioni nel prato, delle mosche nei cespugli, le ali delle rondini che fendono l’aria, quello della metropolitana sottoterra

5) TRE SUONI IN MOVIMENTO CON VOI corridori (passi nella ghiaia), conversazioni di persone, uccelli, passi e calpestio delle foglie, bici sul selciato, gente che corre, frammenti di conversazioni, rondini, rumore del traffico, bicicletta, la città, i passi sull’erba, una bicicletta

6) UN SUONO DEBOLE COPERTO DA UNO FORTE passi di chi fa footing coperti dal rombo di una moto, passi nel prato coperti dal bar bianco, i miei passi nei pressi della musica del bar bianco, la mia voce coperta dal suddetto camion, le cicale coperte dal traffico

7) IL SUONO PIÙ ACUTO rondini, cicale, uccelli, le musiche lo-fi dei giochi dei bimbi, le risate dei bambini piccoli nella zona dove c’era l’asilo nido

8) TRE SUONI PROVENIENTI DALL’ALTO rondini…cicale, aereo, palla nel canestro (campo basket), uccelli…campane, traffico (dal centro del parco), reverbero in una volta del castello, il vento

9) IL SUONO PIÙ DEGNO D’INTERESSE (O DI ESSERE RICORDATO) lo stappare di una bottiglia di birra, scrosciare dell’acqua, conversazioni arabe e poi la radiolina degli anziani, campane, i vecchi che parlano, il suono delle foglie sotto i piedi e del prato

10) IL SUONO PIÙ LONTANO traffico all’esterno del parco, aereo in volo, tram, la città, un’ambulanza di passaggio

11) UN SUONO CON UN RITMO PARTICOLARE bicicletta con una ruota malmessa che faceva “sdeng” a ogni pedalata, catena della bicicletta, nella performance ho apprezzato il beat dei salti sul selciato della gente che corre, pallone da basket, fontana dell’acqua marcia, i bonghi di alcuni ragazzi che stavano suonando nel parco

12) I SUONI CHE VORRESTE ELIMINARE DA QUESTO PAESAGGIO SONORO nessuno, traffico, rombi dei motori, allarmi, condizionatori del museo, la musica forte del locale, il traffico, le moto, l’ambulanza

13) UN SUONO DI CUI AVETE SENTITO LA MANCANZA E CHE AVRESTE VOLUTO UDIRE le prime gocce di pioggia nella fontana del cortile in cui abbiamo fatto la performance, onde del mare, strumenti musicali suonati dal vivo (è un classico al parco sempione), nessuno, cavallo , il suono di un forte vento che sposta le foglie secche, il suono prodotto da uno skateboard

TEASER

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY